Crescentine ripiene, se lo dice nonna.

 

Se lo dice nonna” racconta una storia, una storia comune, una storia di generazioni, di cura della casa, di amore e di convivialità.
E’ una storia di tradizioni, di gesti tramandati, una storia ascoltata e, soprattutto mangiata.
In un pomeriggio un pò improvvisato ho voluto creare questo video, come fosse una testimonianza che rimane lì, fissa, una linea guida e un impegno a tramandare.
E’ la storia di una famiglia, la mia e dell’amore delle donne per la cucina. E’ la storia dei piatti che sono sempre stati cucinati a noi, prima bambini, poi liceali.
E’ la storia di una casa linda e pinta, con dei divani su cui ai bambini non era permesso sedersi, la storia di una casa in cui ci si presentava solo all’orario giusto e con un bel vestito, per onorare la tavola.
E’ la storia di comportamenti perduti, della doppia forchetta, di gesti di rispetto e rigore oggi sorpassati dalla mancanza di tempo o presunta tale, dall’immediatezza dei sentimenti e dalla genuinità che sembra possa essere donata solo dall’improvvisazione.
Ma quanto era sincero quell’amore donato in un piatto?
Quanto spesso la cucina è l’espressione di un sentimento che non sappiamo descrivere a parole?
Questa è la storia di una fetta di pizza fatta cadere sul tappeto nella stanza proibita e del terrore delle macchie.
E’ la storia della cucina più buona del mondo, delle diete impossibili da fare, del “lo vuoi un pò di burro?” con l’r moscia e della porzione di dolce sempre raddoppiata.
E’ la storia dei pomodori senza sale e di quelli con troppo olio, del telegiornale delle 13.00 e dei piatti lavati ancor prima di aver finito di mangiare.
E’ la storia di una famiglia, nel bene e nel male.

Il tempo muta molte cose, gli insegnamenti in cucina passano di mano in mano, ora sta a me.
Perchè quando le ossa si fanno stanche, quando il tempo blocca il movimento, quando gli anni pesano, c’è una cosa che non muterà mai: la sapienza dei gesti che le mani sanno trasmettere.
Sarà sempre la stessa, è ora di impararla.

crescentine ripiene

 

Ingredienti:

  • 3hg di farina
  • 20g di lievito di birra fresco
    (3/4 di bustina se preferite quello secco)
  • 30g di burro
  • 1 bicchiere e mezzo di latte circa
  • sale

Per il ripieno:

  • 2hg di ricotta
  • 70g di mortadella tritata
  • 2 cucchiai di parmigiano
  • noce moscata

Per preparare le crescentine ripiene per prima cosa mescolare la farina con il burro, il latte, il lievito e un pizzico di sale, impastare per qualche minuto, fino a che l’impasto non avrà una consistenza liscia ed elastica.
Lasciar riposare per 30 minuti.

A parte mescolare la ricotta, la mortadella tritata e il parmigiano con una grattata di noce moscata. Stendere la sfoglia con un matterello, avendo cura di non farla troppo sottile.
Creare le crescentine o utilizzando un bicchiere, oppure tagliando dei quadrati con un coltello.
Su ogni ritaglio posizionare una cucchiaino di ripieno e ripiegare su se stesso, schiacchiando bene i bordi, prima con le dita, poi con una forchetta.

Friggere in olio bollente e servire!

crescentine ripiene piccole

Tag:

Leave a Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi