Hamburger, festeggiamoci!

Oggi è la festa delle donne, grazie al cielo. Dico grazie al cielo, perchè volevo scrivere tutto un altro post, parlarvi di un’altra cosa, ma poi ho cambiato idea, per fortuna, perchè so che me ne sarei pentita.
Anche se forse parlarvi di un mio turbamento momentaneo sarebbe stato il modo più naturale del mondo per onorare questo giorno: esprimermi così, semplicemente, con tutte le debolezze e i contrasti di cui sono fatta, di cui siamo fatte.

Oggi è la festa della donna, è la festa della mia mamma che accudisce il suo albero di mimosa ed è la festa di tutti gli altri fiori, regalati in tutti gli altri giorni, senza tanti perchè e segni sul calendario.
E’ la festa di tutti i vestiti acquistati perchè non avevamo niente da metterci, di tutte le incongruenze delle nostre azioni, di tutte le risorse che sappiamo trovare ogni volta, del lieto fine, di tutte le rughe spianate e di quelle comparse, delle volte in cui abbiamo saputo dire basta per proteggerci, delle volte in cui ce ne siamo fregate di tutto e siamo andate a prendere ciò che volevamo, di quando abbiamo gli occhi a cuore perchè ci sentiamo amate, dello smalto sbeccato, delle telefonate interminabili. E’ la stessa festa che era ieri e che sarà domani, senza tanti giorni prefissati, senza tante parole smielose o gesti scontati, lo so.

So anche che oggi si possono fare un sacco di cose più utili invece di regalare mimose. Imparare il rispetto ad esempio, apprezzare la diversità, non condannarla, violentarla o tentare di annullarla.
So anche che oggi, come ieri e come domani è la festa degli uomini, di quelli che con piccoli gesti ci proteggono e  ammirano. E’ la festa di tutti i “ti accompagno che è tardi”, di tutti gli “aspetta che ti aiuto”. Eh si, è la festa di tutti quegli uomini che combattono ogni giorno al nostro fianco contro ogni violenza, di quelli che sbuffano quando parliamo troppo e poi, all’improvviso, ci baciano.

Io lo so che oggi è un giorno come un altro, non cambia niente, però trovo che sia comunque un’occasione per far rimbombare nelle orecchie di chi non vuol sentire un suono acuto e profondo, quanto il cuore e la forza di tutte le donne che ogni mattina danno il meglio, amando, facendosi forza a vicenda e ridendo, ridendo molto.
Io lo so che oggi invece delle mimose vorremmo ricevere un bacio, però questi fiori sono belli e serviranno a rendere ancora più colorato un giorno fatto di tutte le sfumature della nostra incrollabile unicità.

Oltre a sogni e risate vi regalo anche questa ricetta. E’ tempo di Hamburger.

hamburger

Ingredienti:

  • 180ml di acqua calda
  • 30g di burro
  • 1 uovo
  • 450g di farina
  • 50g di zucchero
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 bustina di lievito di birra

Per la copertura

  • 1 uovo
  • semi di sesamo

Per preparare gli hamburger iniziare impastando in una planetaria tutti gli ingredienti per 5 minuti abbondanti, fino a che l’insieme non risulterà compatto e leggermente gommoso.
A questo punto lasciar lievitare per almeno 2 ore, poi creare dall’impasto tante palline della grandezza che preferite per gli hamburger (tenete conto che lieviteranno ancora molto), disponetele sulla teglia ricoperta di carta da forno ben distanziate e lasciatele lievitare per un’altra ora circa (eventualmente anche in forno leggermente intiepidito prima).

Spennellare la superficie degli hamburger con l’uovo sbattuto con un cucchiaio di acqua e aggiungere i semi di sesamo.
Infornare a 190°C per 10-15 minuti.

hamburger 2

P.s. Questa ricetta viene da un blog bellissimo, ricco di spunti: Un’americana in cucina. Il suo post sugli hamburger lo trovate qui.

 

 

Leave a Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi